ESAME DI STORIA DELL’ARTE CONTEMPORANEA: LA RIUNIONE DEI NONNI

Stamattina ho sostenuto l’esame di Storia dell’Arte contemporanea! Posto che adoro questa materia per passione personale, ovviamente ho perso un sacco di tempo a studiarla, perdendomi in assurdi cavilli, ricerche esagerate, leggendo addirittura un altro libro che non era in programma, e poi alla fine stufa marcia di studiare, cosa che col passare degli anni mi piace sempre meno, nonostante la passione per le materie, mi sono ridotta a fare il grosso del programma l’ultima settimana prima dell’appello, utilizzando il caro metodo alla Nadia del “tapparsi in casa” per non perdere la concentrazione che già di suo ama perdersi e sa benissimo come farlo!

OK! Stamattina, sveglia drammatica alle sette, merendina e Moment Rosa per i sospetti dolori all’addome che prevedevano di darmi la botta finale durante l’esame, e scappo in Ateneo. Tra le altre simpatiche cazzate della sottoscritta, quest’anno posso anche dire di stare inaugurando tutti i pavimenti dell’Ateneo, tra i quali oggi quello vicino al dipartimento di Storia dell’Arte, dove mi sono messa bellamente a sedere, dato che le sedie presenti erano tutte occupate, immersa nella mia centesima ripetizione dell’Art Dossier di Klee.

Ovviamente, a pochi metri da me, ragazze esaurite si scambiavano modesti pareri artistici sulle madonne e i santi, dato che si sarebbe tenuto di lì a poco anche l’esame di Arte Moderna. Una di queste aveva un libro strapieno di post it colorati, probabilmente c’erano più post it che pagine di libro originale. L’altra snocciolava conoscenze a destra e a manca, facendo agitare tutti con la sua teoria secondo la quale era ben diverso leggere i nomi con accento latino piuttosto che greco. Mentre il nugolo di ragazze esaurite provvedeva a caricare l’aria di ioni negativi e adombranti per tutti, anche probabilmente per il Sole, se questo si fosse presentato all’esame, mi scorge dall’alto una ragazza che, vedendo il mio Klee, mi viene incontro allegra: – Anche tu hai arte contemporanea?-

E così son partite le chiacchiere! Improvvisamente mi guardo intorno e mi ricordo che l’appello di novembre era destinato soltanto a due precise categorie: laureandi e immatricolati prima del 2005 ( lascio a voi la facoltà di indovinare a chi appartengo io…), e difatti di lì a poco, il corridoio si è riempito di un nugolo imprecisato di altre persone, chi con in mano Tolouse Lautrec, chi Haring… che come me dovevano dare l’esame. Un signore sulla cinquantina, ben vestito, un altro signore con la barba, due ragazze tranquille, e una serie di altre persone che, per la loro tranquillità appunto e per il loro senso umano ed equilibrio, non mi davano di essere delle laureande o studentesse degli ultimi anni.

Se avete seguito il resoconto degli altri esami, tra maggio e luglio, saprete qual è la mia opinione sulla nuova generazione e il suo rapporto con lo studio……cioè pessima a dir poco.

E improvvisamente, semplicemente, mi sono ritrovata a ridere e scherzare, nelle canoniche chiacchiere da pre- esame, con gente della mia età, che se ne frega di spulciare il cavillo, e non vede l’ora di laurearsi per andare a lavorare, possibilmente e finalmente. Momento topico di questo gran ciarlare, fra una data impressionista e il nome di una tela futurista persa per strada, è stato il dialogo tra una mia coetanea, e una laureanda.

Coetanea: – A questo esame prendo quello che viene! Mi mancano otto esami e voglio togliermeli al più presto!-
Laureanda: – Ah otto esami, dai! In due anni dovresti farcela!!-
Coetanea: – Ehhh due? Macchè, do due esami al mese e passa la paura, a me non interessa il voto, voglio solo laurearmi!-

Naturalmente mi sono ben guardata dal rivelare quanti esami mancano a me………………………..

Comunque, finalmente l’esame inizia. Escono dal dipartimento due assistenti alternativi che, presa visione del nugolo di gente, esclamano: – Tutti laureandi? Impossibile!-

Di fatto all’appello si è presentata anche gente che ignorava le postille suddette, e che quindi è dovuta tornare a casetta a prepararsi per dicembre. Dopo la solita fatidica lettura di statini, durante la quale ho cambiato idea cento volte sul fare o il non fare l’esame, finalmente sono entrate le prime vittim… i primi studenti. Gli assistenti ci annunciano di metterci a coppie perché saremo interrogati in due! Bene, per fortuna lo sapevo già… E’ una prassi che non apprezzo particolarmente, ma ha i suoi lati positivi sul mio carattere perennemente ansioso… almeno non sono sola!

Io e la mia coetanea siamo entrate per seconde.

L’esame è stato davvero tranquillo, mi sarebbe piaciuto poter parlare più di Klee e se tornassi indietro…. imparerei a memoria le date, cosa che ovviamente mi sono guardata dal fare volontariamente, essendo io pigra. Immagino che con gli esami di storia dovrò rivedere questa mia politica fallimentare!  Inoltre ho cercato di esprimere le mie azzardate ipotesi sull’Impressionismo, dimentica del fatto che all’università dare opinioni è una prassi non presa in considerazione..

Ma sulle ninfee di Monet, mio sotterraneo e amato cavallo di battaglia, ho dato il meglio di me! Lo adoro! Precipitando però miseramente sull’anno della Secessione Viennese (1898, al diavolo, ora lo ricordo benissimo!!!)  e, ahimè………..che resti tra noi, sull’uscita del Manifesto Futurista di Marinetti ( 1909 sigh, meglio che non scrivo che data ho detto realmente… fossi stata nell’assistente mi sarei autoimpiccata). Ok, per chi non studia arte e letteratura queste cose potrebbero sembrare cazzate, ma non lo sono. E mi pentirò per sempre di aver dimenticato le due date nel momento opportuno, dato che io leggevo libri d’arte su Klimt ( altro mio artista adorato, che non ho portato all’esame perché troppo abusato) quando a liceo ancora nessuno sapeva chi fosse, e avrò letto il manifesto di Marinetti quelle cento volte……………………………

Mea culpa, ahimè. Rimedierò al prossimo esame. Forse. Spero…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...